Passa ai contenuti principali

Emozioni forti


La vera primavera sta tardando ad arrivare eppure l'allungamento delle giornate è già un piacevole preludio. Svegliarsi alla mattina e trovare il sole che splende o rientrare la sera dal lavoro senza dover accendere i fari della macchina mette allegria, no?

Una cosa che mi regala meno gioia, invece, è che non sono ancora riuscito ad avere l'ADSL a casa – motivo per cui le mie parole su questo blog sono proprio rare in questo ultimo periodo.
Spero che nel giro di 15 giorni tutto si risistemi.

Intanto la mia sveglia mattutina intorno le 6:30 funziona alla grande.
Il metodo che sto seguendo per riuscirci è molto semplice quanto efficace.
Ho associato moltissimo dolore al non riuscire ad alzarmi e quindi mi sento di perdere qualcosa di davvero importante se non lo faccio – il tempo, innanzitutto, e quindi soprattutto opportunità. Ma come esattamente? Beh, formulando delle domande che mi spingessero a vivere questo dolore e poi intensificarlo il più possibile.
Tipo: cosa mi perdo se non lo faccio? Sarò depresso o contento se mi non mi alzo presto? Come sarà il mio stato emozionale? Sarò un esempio se poltrisco? Quanto tempo posso recuperare la mattina per fare le mie cose, quelle che mi rendono felice e allegro? Mi realizzo se non mi alzo? Cosa mi sto perdendo davvero? Se voglio migliorarmi è il caso che dorma fino a tardi? Se voglio raggiungere i miei obiettivi di vita mi conviene dormire così tanto? Fino ad oggi dormendo ho avuto qualche genere di risultato sbalorditivo? Dormire ha migliorato davvero qualcosa? Non è più bello avere più ore disponibili in una giornata? Come sarò fra 5 anni se continuo a riposare oltre il dovuto? E fra 10 anni? Sarà soddisfatto del mio percorso?

..e così via. E il bello è che le risposte aprono nuove e rinforzanti domande.
Funziona.
Chiaro che comunque dormo le mie ore e, a volte, recupero, se faccio troppo tardi.

Ah, si, dimenticavo, sento la necessità di farmi le domande spesso e comunque di rivedere frequentemente (leggi: tutti i giorni) i miei obiettivi.
Ovvio, no? Altrimenti che mi alzerei a fare se non sapessi cosa voglio?

Commenti

Post popolari in questo blog

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte. 

At last ferie

Finalmente ferie.
Sono ormai 2 mesi che non penso ad altro.
Sarà che sto invecchiando (err...), sarà che sono stanco, ma proprio non ce la facevo più.
E pensare che ora mi sto già preoccupando che finiranno prestissimo...

..in realtà la questione sta proprio nel lavoro, che al momento non mi appaga per nulla.
Ho una certa paura ad affrontare situazioni di cui mi mancano nozioni, ho paura di dover fermarmi di più la sera, ho paura delle scadenze razzo che mi obbligano a fare delle scelte che in situazioni tranquille non prenderei.
Insomma, necessito di ricarica.

Anche con il parkour sono leggermente recesso... prima la botta al piede che mi ha quasi bloccato per due mesi, poi il super caldo che mi demolisce, poi straordinari che non finivano e quindi ore di sonno da recuperare.
Uff.. staccare.

Ho ripreso in mano la voglia di tornare a disegnare seriamente - questa va e viene senza avvertire - e di farci la mia prima fonte di mio reddito.
Mi manca solo una Buona idea e lo slancio.
Dovrei anche stu…

Un altro passetto

Buone nuove sul lavoro. Da un lato forse c'è un interessante (ma breve) collaborazione in attesa di approvazione, dall'altra ho firmato la lettera di intenti per la sede nuova. Insomma, presto si ricomincia a darci dentro.
L'altro giorno, invece, calcolando le mie crescite mi sono reso conto di non aver valutato sul mio LIVE PLAN l'angolo del impatto ambientale. Sto adottando la mia casa di piccoli sistemi di risparmio energetico e di risorse e questo merita un punto in più nella mia scala. Per il consumo dell'acqua ho inserito degli spezza acqua e per limitare lo spreco dell'energia elettrica, delle lampadine fluorescenti. In effetti non è molto e probabilmente in un altro momento mi sarebbe sembrato poco, ma adesso ogni volta che ci penso mi sento bene.
Questa sera ho anche finito l'ottimo videogioco di KING KONG, ho passato 2 ore buone questa domenica superando l'ultimo livello. Il game design è discreto (più che altro ripetitivo, anche se con stile) m…