Passa ai contenuti principali

La fine dell'inizio....


Ho dato le mie dimissioni al lavoro per giusta causa, ritardo nei pagamenti (quasi due mesi).
Ho ricevuto lo stipendio di settembre solo martedì scorso.
Che VERGOGNA.

Mi sono rotto di essere preso in giro, di false promesse, di inseguire telefonicamente l'amministratore per discutere sul come tirare fuori dai casini la SUA azienda. Questo scarso interesse mi fa capire che non gliene frega proprio niente - quindi perchè dovrei interessarmene io?
Mi sono rotto di salvare il culo agli altri, di dover riparare agli errori di un project manager incapace e super pagato che, dopo mesi di date non rispettate sulla chiusura del progetto, scappa con la scusa di averne le scatole piene di "questa situazione".

Beh, ora vedremo cosa farà l'Azienda senza nessuno che gli finisca il progetto.
L'avevo avvertito.
Uomo avvisato...

Commenti

Anonimo ha detto…
Ho letto il tuo post. Io penso che il product manager di cui tu parli, abbia anche fatto fin troppo per quel posto di lavoro. Approvo in pieno la sua decisione di andarsene, restare sarebbe stata per lui solo una perdita di tempo. Lì dentro non merita più nulla nessuno, troppi torti fatti e troppi torti subiti. Così la penso io. Ti chiederai forse chi sono, ma non è necessario tu lo sappia. In bocca al lupo per il tuo futuro. Ciao
MrKaizen ha detto…
Uhm, insomma, insomma..
Lasciare gli altri nei guai non è proprio il massimo, a rescindere del fatto che nei guai alla fine si trovasse anche lui. Scappare non è mai una soluzione e i nodi tornano sempre al pettine.
Se non blocchi il buco oggi, domani avrai fossa da tappare.

In bocca la lupo anche a te, in ogni caso, immagino ne avrai un gran bisogno.
(Anonimo....)
Anonimo ha detto…
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto…
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
MrKaizen ha detto…
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto…
Io non ho bisogno di un in bocca al lupo per il lavoro che faccio. Ti ripeto non sono chi pensi, ma conosco il vostro lavoro e le persone che ne hanno fatto parte. Tranquillo chi pensi non sa nemmeno l'esistenza di questo sito. Girovagando ne ho trovato un sacco tra cui questo. All'inizio non ti collegavo a niente e nessuno, alla fine ho capito chi eri. E così passo a leggere quello che aggiorni. Tutto qui. Buon Natale e Buon Anno Nuovo
MrKaizen ha detto…
Credo che se davvero tu conosca tutti i retroscena della storia (ma ne sei davvero sicuro? sai di cosa sto parlando?) e giudichi le scelte di quella persona corrette, allora o sei di parte ma NON c'eri (quindi meglio che ti fossi astenuto) o dormivi o SEI quella persona.
E ti pregherei di non star lì a scrivere “non sono chi pensi etc etc” - sono ridicole e poi fai sorgere il dubbio sulla risposta del quesito sopra esposto.
E con questo non aggiungo altro.
Anonimo ha detto…
Sono qualcuno che tu conosci, che fino ad un po' di tempo fa hai visto. E ti assicuro che so il lavoro tuo e di chi menzioni e giudichi. So molte cose del vostro lavoro, molto più di quello che pensi. Non farò altri commenti.
In bocca al lupo per tutto.

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.