14.12.10

Anno nuovo, capitolo nuovo, progetto nuovo, pc nuovo

Ho acquistato un nuovo laptop, dalla Dell. Speravo arrivasse prima del 23, anche se la ricevuta diceva il 29, e così è stato. É uno sballo.
Ho dei piani, ho delle idee che non voglio buttare. Le mie continue note sull'ipod e il mio blocco pieno di scarabocchi ne sono testimoni.
Ho comprato una licenza di game maker, scaricato unity 3D, comprato due libri da amazon stile ...byExample, ripreso java.
Ho riascoltato il podcast di Adam Saltsman più e più e più volte queste settimane, scoperto che Grant skinner la pensa come me e forse anche Derek Yu, su molte cose.

Ho un piano, delle risorse, due mani, un cervello, innumerevoli passioni, delle necessità.
Ho aperto un nuovo blog, per focalizzare tutta la mia attenzione su quello che voglio fare. Sta passando troppo tempo e ho buttato via troppe idee su cui, a dirla tutta, vorrei vivere.
Non avete mai avuto questa sensazione? Idee geniali, o cmq apparentamente geniali, vi passano per la mente. Pensate che sono davvero brillanti, magari vi chiedete anche come vi siano venute.. ma poi non agite, lasciate perdere. Mollate. E loro si spengono, non si evolvono, praticamente è come se non fossero mai nate.
Io ho deciso di smettere, ho mollato troppe volte e troppe occasioni sono andate perdute, ma serei stupido a dire che non ce ne saranno ancora.

Le cose cambiano o forse no

Facevo pulizie e ho ritrovato una stampa dei primi post. Alcuni sono un po' imbarazzanti, altri un po' esagerati, altri dimenticati e altri ancora da rielaborare e riprendere.

Quello che noto è che sono accadute un sacco di cose inaspettate, molte delle quali non avrei mai creduto di imbattermi.
É la vita, si dice, però finché non ci sei dentro effettivamente non le capisci. Ridi adesso di chi, come te tempo prima, crede di poter capire ma non sa. Bisogna viverle, le cose.
Se da un lato sono invecchiato dall'altro, carico di esperienze, mi sento molto più consapevole, cresciuto e maturo.
Ma il blog mi ha messo alle strette. Quei post potranno avere tutti i difetti del mondo, però sono uno specchio in cui purtroppo non mi sono più riflesso. Se vogliamo, una sorta di dimensione parallela.
Ho perso molte opportunità e spesso ci ripenso. La mia vocina mi da dell'idiota a raffica e in effetti è difficile non darle torto.
Alcuni miei piani sono finiti del dimenticatoio, eppure mi dispiace che ancora oggi desidererei fare delle cose che desideravo fare 5 cazzo di anni fa.
Un po' mi rattrista, anzi preoccupa, in particolare alcune volte metto in dubbio le mie capacità ed eventuali traguardi ancor più quando mi relaziono con colleghi ed amici.
C'è una specie di rassegnazione generale e in linea di massima nessuno è consapevole di essere protagonista della propria esistenza, dubitando di fare grandi salti, dubitando di poter controllare la propria fetta di torta.
Un po' non di sogna, un po' non si pianifica, la tendenza è di vivere alla giornata, spesso non dando il meglio di se eppure mi chiedo perchè. É forse più facile? C'è bisogno di una forte dose di sofferenza per capirlo?
Mi tocca sentire che non si può, non si riesce, non si ha più l'età o il fisico, ormai è tardi, non perderci tempo, ormai sei grande per certe cose.
Giuro che non capisco e mi incazzo dentro. C'è un vulcano in eruzione, una fiamma che divampa e esplode.
Mi incazzo da morire, mi verrebbe da urlare, gridare a squarciagola «PAZZI STRONZI!» perchè sento che mi stanno appesantendo le ali dell'ambizione - è così disarmante e faticoso trovarsi in simili ambienti dove sembra mancare una speranza o un desiderio.
Credo che sia passato troppo tempo dall'ultima volta in cui mi ponevo le giuste domande. Forse è tempo di rileggere per bene quei post e ritrovare quella dose di adrenalina che mi manca da un pezzo.

Stamattina ho visto un cartone animato con mia figlia dove un gruppo di amici andava in spiaggia a giocare a pallavolo. Sul posto scoprono che chi doveva portare la palla l'ha dimentica. Il protagonista non si pone neppure per un istante il problema del perché la palla sia rimasta a casa. O di prendersela con l'amica.
Al contrario, chiede a tutti, subito, come risolvere il problema e trovare un'altra palla.
Non c'è lamentale, non c'è perdita di tempo, c'è la ricerca della soluzione, adattandosi per raggiungere lo scopo. Focalizzare sulla soluzione, non sul problema.
Forse è proprio solo questo.

9.11.10

Karate Robo Zaborgar

Da piccolo amavo Zaborgar. In realtà non ricordo benissimo quali fossero le sue avventure, chi fossero gli antagonisti... però la moto-robot era proprio bella. Insomma, per i suoi tempi.
Quindi dovrei essere contento del nuovo remake... e in effetti lo sarei, se solo il regista non fosse Noburo Iguchi che magari nel suo ambiente gore/porno senza gusto sarà anche famoso e apprezzato, ma l'idea che deve rendere un mio mito infantile un film splatter con quella fotografia da telenovela.. bah...

Certo, il poster è anche carino, ma poi vedi questa:

e allora ti ricredi.
Qui si vede un pezzo del film, in mezzo a tanta monnezza ^_^ , teste volanti e sangue a fiumi

16.10.10

Super create box, arcade vecchio stile



Non ho ben capito su che piattaforma uscirà (a breve) questo gioco, ma è davvero notevole.
Anzi, no, dalla pagina su vimeo ho scoperto che sarà per pc ed è pure free.
Il commento:«Vlambeers' second title, Super Crate Box is coming to bring back the glory of the golden arcade age, when all that really mattered was getting on that high score list!».

Uno spettacolo per gli occhi.

15.10.10

Lascia stare, è complicato

Il nostro gioco per divece iPod/iPhone, almeno come produzione interna, è (fortunatamente) saltato. Le esportazioni in flash di mini esempi sono stati tutti un disastro e non c'era tempo per fare altre prove.
Personalmente sono in parte contento: avere sulle spalle tutta sta responsabilità di fare un gioco in tutto sommato poco tempo su una tecnologia che, mi pare, faccia acqua sarebbe stato un suicidio assicurato.
Cmq sia, l'esportazione richiede un bel po' di pratica, ammesso che abbia in effetti senso per cose animate e interattive come possono essere i videogiochi, o anche animazioni.
E a tal proposito, questa sera mi stavo leggendo la mini guida per fare le applicazioni iPhone con la CS5. Quella ufficiale, dal sito adobe, da qui.

É bello notare cosa sconsigliano di fare (in ordine sparso) - occhio che il pdf è lungo e qui sono segnati alcuni punti chiave che, ovviamente, andrebbero ampliati, ma cmq rendono bene l'idea:
  • evitare di usare per il disegno diretto con la classe Graphics
  • praticamente evitare gli enterframe
  • evitare la propagazione di eventi se non necessari
  • evitare le maschere e i scrollrect (rallentano l'accellerazione hardware se attivata)
  • cachere tutto in bitmap, ma non su oggetti che si aggiornano spesso (tipo TextFields)
  • praticamente niente animazioni in timeline
  • animazioni andrebbero fatte con le matrix
  • evitare di usare filtri
  • evitare di usare i blend mode
..per non parlare poi dell'ottimizzare tutto, riusare gli oggetti magari con l'obj pooling e via così.
Ovviamente molte cose andrebbero fatte anche nel comune lavoro quitidiano, almeno per avere un lavoro pulito e funzionale. Diamine, alcuni sito che faccio richiedono un sacco di ottimizzazioni ed è pure bello destreggiare e imparare tutti questi segreti.
Eppure credevo fosse decisamente agevolato il passaggio tra swf e app.
Insomma, tra le righe io ho letto un bel:«..lascia stare».
Che sia il caso di impararsi un po' di obj-c?

13.10.10

Bel ricordo

Di mia madre ho tanti bei ricordi, ma in effetti il più delle cose mi crea una forte sofferenza, non perché sia brutto, anzi, ma perché lei non c'è più.
Faccio ancora molta fatica a parlarne, andare al cimitero é sempre un pianto e se mia morosa la cita mi si stringe il cuore e cerco di cambiare discorso e non far notare quello che sento.
Spesso dopo gli allenamenti rimango su un angoletto nascosto della casa tra le mi sofferenze, a volte piangendo, a volte no, isoltato degli eventali tentativi esterni di ripormi allegria.
É una cosa che devo fare, da solo a tutti i costi, è passato tanto tempo eppure è come se fosse ieri.
A volte sembra tutto così irreale. Nella mia testa c'è questo spazio vuoto che prima era occupato dalla sua figura di riferimento.

A mia madre piaceva una pianta bellissima che teneva in vaso. Non conosco il nome, ma di sicuro non ne ha importanza. A ottobre, casualmente quando lei compie gli anni, fà dei fiori grandissimi quanto circa 2 mani. Tempo fa mio padre ne ha mozzato una parte e me l'ha data da piantare in giardino, all'ingresso di casa.
Sta crescendo un sacco, é rigogliosa e bellissima e il profumo in questi giorni invade la casa.
É davvero l'unico ricordo che mi mette gioia, anche se é sempre condivisa con tanta tristezza.

Appena i fiori sono sbocciati numerosi ho scritto a mio papà un sms, settimana scorsa. Aver scoperto che riesce a leggerli e anche a rispondere, seppur magari sgrammaticato, mi permette di usarli come mezzo per dirgli certe cose. «Ciao papà, hai visto che sono sbocciati i fiori della pianta della mamma? Sono bellissimi. É proprio un ricordo bellissimo della mamma. Mi manca tanto. Baci, notte.»
Innaspettatamente mi ha risposto poco dopo: «Anahe a me tanto ciao baci ai picoli».

11.10.10

Caviamocelo

Settimana scorsa sono un po' morto dentro. Un progetto doveva essere consegnato il 15, diciamo con una certa calma. Le grafiche arrivano sparpagliate, come al solito, durante la settimana ma sono tranquillo.
Ma poi salta fuori che chi ha preso il progetto ha capito male.
Dead line l'11.
«Meglio così, così ce lo caviamo dai coglioni prima»ci dice.
Ma forse non si rende conto che perdere 5 giorni di sviluppo non vuol dire che erano 5 giorni di cazzeggio.

Ho lavorato tutti i giorni questa settimana per almeno 10 ore, venerdì 18 ore, sabato 12 fino alle 2 di notte e domenica "solo" 7, fino alle 20:45.
Ma meglio così, me lo sono cavato presto dai coglioni.

Venerdì sera la beffa: stavo finendo il montaggio di una grossa sezione del sito. Una certa fatica mista a stress per tagliare le grafiche e montarle in flash.
Ma ecco, ero felice, mancava poco. Eppure non avevo ancora committato il file sul server, attendevo di arrivare a un nuovo step di sviluppo. In fin dei conti il file è lì, salvato in locale nel mio HD, cosa potrebbe succedere..
E poi, invece, succede.
Eccolo, l'imprevisto: flash 5 va in crash... il file di 100 e più mega si muta in uno da 1kb. Un file 100.000 volte più piccolo.
Sbianco (non mi vedo ma lo percepisco). Qualcosa di invisibile mi urta la testa. Bestemmio. Iniziano le domande al vuoto, le richieste di un perché.
Segue la ricerca di file temporanei nel HD. Ne trovo uno, in una cartella di sottocartelle Adobe. ECCCOLO! Esclamo, e dentro mi torna la gioia.. «CAZZO, è di 100 mega».
Si, non poteva che essere lui. Poi vedo la data, lo apro.. è di mercoledì.
Cazzo salva la cs5 un file di 3 giorni prima, con tutti i salvataggi fatti successivamente?
La disperazione torna. La bestemmia pure.
Incomincia una ricerca in internet che finisce su una pagina adobe di gente disperata che segnala lo stesso irrimediabile problema. Il problema del 1 kb. Non ci si sfugge pare.
Il lavoro incominciato alle 19.47 di venerdì sera e finito intorno le 2 di notte buttato nel cesso.
Al momento non trovo soluzione anche se l'esportazione del file è online, quindi l'agenzia vedrà i passi fatti.
Sono un po' morto dentro.

Torno a casa e sabato si riparte. Poi provo a decompilare il file e ricavo dei sorgenti sporchi che quanto meno mi fanno recuperare circa 2 orette di lavoro.
Ma la strada per l'11 era ancora lunga.

Oggi abbiamo consegnato e tutto è andato abbastanza bene.
Sono contento ma esausto.
AH, si, i buoni propositi degli allenamenti mattutini sono andati a farsi benedire.
Venerdì scorso era anche il compleanno di mia mamma.

10.10.10

Canabalt



Quando penso al mondo dei giochi indie, il più delle volte mi viene in mente Canabalt seppur ci siano titoli più reditizzi e forse più evidenti, come l'ottimo world of goo.
Canabalt non solo è un gioco semplice, immediato e geniale, ma è anche ben fatto, graficamente ottimo, ha stile, atmosfera ed è pure stato realizzato in un brevissimo arco di tempo (5 giorni circa).
Quindi, volendo, è pure un esempio, anche se probabilmente è uscito al momento giusto, seppur reputare il suo successo al caso sia sostanzialmente errato.
É frutto di un'idea, passione e amore e una bella dose di esperienza, direi.
Ci sono 4 livelli di parallasse, il personaggio che si sposta leggermente verso destra mano a mano che aumenta la velocità, i suoni dei passi che si alterano in base al terreno di appoggio, terremoti al passaggio di navicelle aliene, uccelli animati, palazzi cadenti sempre con terremoto, qualche razzo cadente dal cielo.
Credo che Adam Atomic si sia concentrato tantissimo nell'immersione nel mondo di gioco che subisce il giocatore. In effetti è proprio perfetto, ci si sente dentro, fin da subito. Credo che sia questo il suo ingrediente segreto. L'immersione totale, lo stacco dalla realtà in questa, velocissima e senza difficoltà. Non c'è una storia narrata, c'è subito la fuga, senza senso tra l'altro. Si capisce dove si è, cosa bisogna fare, la situazione e la tensione, che probabilmente non c'è speranza ma che vale la pena tentare.
Che il mondo è vivo, ci sono gli uccelli, il fumo e i robottoni di sfondo, le navicelle che passano non badando all'avatar.
Fin dal primo momento che l'ho giocato, ho creduto di sentire cosa provasse l'assurdo protagonista del gioco. Ma erroneamente pensavo che fosse una cosa solo mai: mi ha stupito il fatto che ho girato il link ai colleghi ed è piaciuto a tutti. Non me lo aspettavo.
La settimana scorsa Adam Saltman, lo sviluppatore, ha rilasciato un breve making of, dopo le continue richieste di rilascio dei sorgenti in flash. L'articolo mi è piaciuto molto, è interessante e preciso e merita una lettura, se siete sviluppatori.
Spiega, per esempio, la dimensione del box del personaggio che non rispetta la grafica dello stesso, con la testa che non urta contro le pareti e con un box spostato leggermente a sinistra per dare un senso di maggiore realismo nelle spostamento e collisione con il mondo di gioco.

Rileggendo e riprovando il gioco si coglie tutto questo, e quanto abbia ragione.
Adam non ha pensato, in questo caso, che il pixel della gamba è davanti e quindi se tocco la cassa, la urta. Ha pensato: la naturalità e l'imprecisione, se vogliamo, della casualità funzionano meglio se metto la collisione del personaggio dopo la grafica dello stesso, limitandola in altezza.
E tutto questo in 5 giorni di sviluppo di un solo e singolo uomo.

Scavando un po' online ho trovato anche articoli più vecchi, tra cui questo da boingboing.net che riporta gli schizzi e idee dello sviluppo - bellissimi.

Ho anche comprato la versione per il mio iPod eppure, per quanto bellissima, non la ritengo all'altezza della versione flash(qui normale e qui in HD).
Mancano i robottoni animati e il fumo sullo sfondo che rendevano lo sfondo vivo e partecipe.
Poi a volte scattucchia (non grave cmq..), i colombi sono molto meno e fanno meno 'John Woo'. Bellissimo lo rimane, e ci sono anche delle aggiuntine, come mega navicella che piomba del cielo demolendo e sostituendo il palazzone di turno.
Eppure ad ogni partita sento la differenza.
Ma forse sono solo paranoico.

Bello, cmq, scoprire che la grafica delle navette non è mai stata terminata:

Trivia: I never finished drawing the space ship that flies by since it is barely on-screen for more than a few minutes. Sadly, multiple screenshots have captured it in all its under-realized sloppiness.

Alcuni articoli relativi a canabalt:

5.10.10

É già buio ma me l'ero dimenticato

Questa mattina il grande via.
Credo che ormai fossero 2 anni che non mi svegliavo ad allenarmi al mio parkour prima delle 7 di mattina. Ma oggi é andata.
Lo sento quasi come un miracolo, che peró spero si ripeta.
Più che altro 2 sorprese: il buio (già, siamo ad ottobre) e il caldo. Un'afa inusuale, e io che mi ero preparato a correre più in fretta all'inizio per scaldarmi subito.
Cmq sia, per quanto ormai sia ABBASTANZA abile sono decisamente fuori forma. Ma nessuno mi mette fretta e ho tempo per recuperare. Tra bimbo nuovo che non dormiva la notte, mancanze in famiglia e impegni lavorativi é andata come é andata, sento stranamente di non avere rimpianti.
Adesso basta che non molli e riprenda confidenza.

4.10.10

Aspettando super meat boy..

Su gametrailer.com è stato appena pubblicato un video commentary sul nuovo Supermeatboy.
Gli autori, Edmund e Tommy, per 20 minuti scarsi presentano il loro nuovo fantastico gioco.
Vederlo girare mi sorprende ogni volta: è ricco di mini dettagli e si sente che nasce con il desiderio di farlo bene, con passione e l'idea che deve essere come lo si è progettato fin dall'inizio, senza compromessi di budjet e tempo.
Non credo ci sia da aggiungere altro, se non quello di acquistarlo, o magari provare intanto la prima e originale versione free online, magari pure scaricandola direttamente dal link sotto il titolo.
..ma lasciate stare la versione su iPod, che è una pseudo versione gioco LCD anni 80.
Insomma, fa schifo - credo sia più una presa in giro che altro, in effetti ce li vedo riderci sopra come dei pazzi.

La data di pubblicazione è Novembre per PC, metà ottobre per le console wii e 360 - c'è il counter sul sito ufficiale.

3.10.10

Bytejacker è tornato, e anche Fez (o quasi..)


Finalmente il nuovo episodio di bytejacker, dopo la "pausa" estiva.
Dura anche più del solito, il tema della puntata è Minecraft.
Magari posto anche un commento sui giochi della puntata...
Ah, quanto mi piace la web-tv, magari avere un canale così in tv.

E oggi ho visto anche il nuovo video di Fez , videogioco indie che ha vinto l' "Excellence in Visual Art" award all'Independent Games Festival del 2008.
Secondo il mio modesto parere, è proprio bello:

30.9.10

Papervision nemico, sul mio iPod

Forse siam partiti con il piede sbagliato..
Oggi ho incominciato lo studio/sviluppo del mio gioco iPhone esportando un esempietto 3D in flash realizzato in papervision, con la CS5.
Chiudo un occhio sul fatto che ci mette un sacco di tempo per fare l'app, ma che poi giri a 1 (UN) fotogramma al secondo mi ha davvero lasciato interdetto.
Ok prestazioni basse ma qui si sta esagerando - seppur da ottimizzare ce ne sia.

Durante il resto della giornata, poi, un mio collega mi ha passato un link di un titolo praticamene UGUALE a quello che devo realizzare io, per di più con la stessa idea di stile cartoon..
In effetti, ora che ci ripenso, non vorrei che quelli dell'agenzia per cui dovremmo fare il gioco, ideatori del concept, si fossero per così dire fatti ispirare un po' troppo da ESEMPI trovati online.. Mah.
Comunque sia, per una cosa o per un altra la situazione non e' proprio rosea come speravo.

Credo che a questo punto si scarterà il 3D a favore di un 2D, forse con la gestione dell'asse Z di flash. Certo che se vanno male anche questi tentativi mi sa che sono fottuto.
Meglio non fasciarsi la testa in anticipo e magari fare un po' di ho oponopono ^_^

25.9.10

It's good storytelling


Eh, già. Uno dei miei fumetti preferiti non solo sbarca in tv, ma addirittura:
  1. sembra ben fatto
  2. sarà una serie tv
  3. ed è pure supervisionato da un attento Robert Kirkman, autore del fumetto.
Prima del rilancio degli ultimi anni (anche se pieno di monnezze) del tema zombi nel cinema sapevo (e spesso sparato, forse addirittura pregato..) che sarebbe tornato, prima o poi.
Ma avere presto davanti agli occhi addirittura una serie tv...
Se il regista riuscirà a replicare le atmosfere e la sinergia, le debolezze dei personaggi, credo proprio che si prospettano un sacco di season di questa bellezza.

La forza di The Walking Dead sta proprio su questo: non è una scusa per azione e splatter, stronzate e forzatura, incoerenza e clichè. É una buona storia con personaggi vivi, un ottimo intreccio, un sacco di colpi di scena che non ti aspetti, reazioni sincere e molta coerenze. É una di quelle storie che può piacere a tutti, riesce a non essere gratuita violenze.
Ti affezioni ai personaggi, leggi volentieri i ballon lunghi e vivi la sensazione di impotenza che domina la storia.
Insomma, it's good storytelling.

24.9.10

Nuovo device: iPod

A tutto avrei pensato, ma non che un giorno avrei posseduto un device portatile della Apple...
Il mio caro buon collega ha acquistato un cellulare della samsung, con os android, e ha voluto sbarazzarsi del suo vecchio iPod 3G. E qui son subentrato io con i miei 55 euro, di cui 5 guadagnati in una scommessa con lui nella pausa pranzo. Direi che una somma simile non sia affatto male.
Ammetto di essere stato scettico, però ora che lo maneggio ben bene, devo dire che offre certi comfort. Oddio, non cambia la vita, e parliamo i comfort tecnologici, ma sono piacevolemente sorpreso.

Le apps le ho provate prima free ma nello scorso week end ho deciso di spendere "un" 10 euro in quelle a pagamento.
Ammetto che sono deluso dalla funzionalità come console da gioco, almeno nel gioco tradizionale con controlli tradizioneli.
Mega man 2 è ingiocabile, i vari resident evil 3D pure, i picchiaduro a scorrimento mi stufano.. insomma, io non riesco afare a meno del pad o stick che sia.
Ma devo dire che ci sono state anche delle sorprese: Doodle jump è una figata, come anche Wire way jump. Fellforit (da indiegames blog e su itunes) è un esperimento interessante, e poi c'è il curato e fine Helsing fire.. Insomma, volendo ci si può fare qualcosa, ma di sicuro non ci sarà mai un bel mario, almeno nel senso tradizionale del termine.
Sto cmq cercando e voglio farmi stupire.

La cosa divertente è che adesso che si può di "nuovo" esportare app dalla CS5, deve sviluppare in ufficio un giochino proprio per iPod (anche se dovrei dire iPhone ormai) , e pure in 3D probabilmente.
Una bella occasione, vediamo un po' cosa ne verrà fuori.

15.6.10

E3 2010

C'è Mongol su rai2, stasera. Ore 23, prima no.. Sai com'è, la gente normale potrebbe non apprezzare un bel film orientale, o cmq qualcosa di diverso.
Cmq sia, non lo sto seguendo con attenzione come vorrei, perché contemplo le news su kotaku dell'E3 di quest'anno.
Ammetto che, più del solito, l'attendevo, con una certa ossessione.
La colpa è del "nuovo" DS, il 3DS.
Oddio, è appena uscito il DSi xl (marzo) e quindi mi aspettavo qualcosa di completamente nuovo, seppur avessi dato molto credito alle ultime news sul prototipo scovato online, che poi si sono rilevate decisamente fondate.

E invece eccolo qui, praticamente un DSi potenziato e con le nuovo feature 3D come quegli schifo di film che vanno tanto di moda al cinema.
L'anno scorso il fratello di mia morosa mi ha regalato un bel Dslite direttamente della Korea. Fantastico. É esattamente ciò che mi aspettavo dal GBA, che invece mi ha sempre lasciato un certo amaro in bocca con tutti quei remake dello snes.
Seppur il mio modello di DS abbia un'uscita video un po' carente di rosso (modello difettoso?) è proprio una console -ribadisco- fantastica.
Ehi, ma non ha una risoluzione da old gen? Si.
Non ha una pessima qualità del render 3D? Si.
Eppure è proprio ricca di contenuto.

Diciamolo subito, a me del nuovo effetto 3D sul 3DS non me ne frega nulla e dubito possa offrire queste grosse rivoluzioni di giocabilità. Piuttosto speravo di vedere due stick analogici, uno per parte. Secondo me sarebbe stata la vittoria su tutte le periferiche. Un pensiero del tipo: «La apple toglie i tasti rendendo la vita ai videogiocari non proprio facile? Noi ne mettiamo 2, proprio come gli amati joypad delle console da case. Tiè»
Credo sarebbero arrivati fiumi di FPS made in occidente perfettamente funzionanti e gestibili, tanto da far rabbrividire psp, iphone/ipod e tutto il resto. E poi finalmente movimento e rotazioni in ambienti 3D come ho personalmente sognato da un portatile.
Sono contento delle nuove potenzialità di render 3D che la console sembra dimostrare - Metal Gear SEMBRA impressionante. Però lo voglio vedere in azione sul serio. Gli screen dei video di RE4 o 5 che siano, non mi dicono nulla, anzi, e non sono di sicuro di gioco.
E poi sono uno legato al 2D ma, soprattutto, al gioco vero e sincero, non alle esplosioni e per questo ero contento della scarsità di risorse del DS. Ma mi voglio far stupire e attendo con curiosità cosa verrà fuori nei prossimi mesi.

E poi c'è il nuovo Zelda per il Wii. Ad oggi, anzi fino ADESSO, ore 0:45, a me pare il "solito" gioco di zelda con la saturazione positivamente a mille... A me la prima versione del Cube ha fatto impazzire, facilità dei boss a parte, seppur tutti abbiano rotto per avere Link "adulto". La linea adulta continua e questa nuova versione mi sembra buona, ma non mi assolutamente entusiasmato. Vediamo cosa nasce.

Per concludere, vedendo al momento quei ridicoli video del Kinect (dio che nome del cazzo..) che fanno capire che la microsoft ha nella sezione marketing degli ignoranti o probabilmente dei doppiogiochisti e non aspettandomi nulla di innovativo dalla SONY, penso che, ancora una volta la Nintendo abbia dimostrato quanto sia capace di vedere oltre e di preoccuparsi dello spasso e non delle esplosioni.

23.5.10

Anche Qwak su Iphone

Poco più di un anno fa ho acquistato Qwak per AGB e PC.
Un Bell'acquisto.
L'ho scoperto per caso, ma l'ho subito riconosciuto essendo uno dei miei amori dell'era AMIGA.
Impazzivo per un sacco di titoli AMIGA e QWAK, insieme al gioco automobilistico NITRO (sorprendentemente dello stesso sviluppatore), erano dei top.

QWAK è un titolo arcade vecchio stile ma ancora molto divertente, con la possibiltà di giocare con un amico in contemporanea, e uno stile grafico e una meccanica tutto suo. Ho deciso l'acquisto sulle 2 piattaforme perché è uno di quei titoli che puoi giocare per 5 minuti e spegnere, come perderci ore.
Un piccolo gioiello, e non esagero - e non ricevo commissioni ;)
Non aggiungo altro, se non lo screenshot e il video della nuova versione.
Merita almeno una partita di prova...

Qwak ... coming soon to your iPhone from Jamie Woodhouse on Vimeo.

4.5.10

Hero is back

Un post dopo tanto.
In questo periodo, dove (quasi) tutto va da schifo, per lo meno è uscito un Bel giochetto indy dello sviluppatore Daniel Remar.
Si tratta di HERO CORE, il seguito del suo precedente HERO.
La grafica è pre 8-bit, spartanissima a due colori, ma ha proprio stile. La meccanica nasconde una certa profondità che, mi permetto, sorprende davvero e schiaccia prepotentemente il precedente titolo.

Il primo HERO mi era piaciuto, ma non da impazzire. Questo, invece, è ottimo.
Ah, dalla pagina del gioco c'è pure l'indirizzo per scaricarsi la colonna sonora che è pure buona. Ho ascoltato ininterrottamente per ore e ore in ufficio il trailer...