31.7.07

Le idee maturano

Avvertenza: POST TECNICO.
Sto buttando giù idee su idee del progetto ProSF - Project Shinobi's Flash.
Mi sono fatto la lista delle animazioni, in ordine, del personaggio principale e della sua arma.
Gestirò il personaggio su un unico mc (movieclip) diviso da tanti labels che delineranno animazioni specifiche.
Wait, camminata, corsa, frenata, salto (start), salto(in aria), doppio salto, salto (atterraggio), colpito, morte, sparo1, sparo 2, sparo3->sparo N, veicolo 1 (tipo animazione su cavallo), veicolo 2--> N. Le animazioni sui veicoli sono calcolate più per una mera considerazione futura, perché in realtà devono avere anche sotto-animazioni come il salto, lo sparo e così via.
Idem per il coltello da lancio, che avrà le animazioni di wait, rimbalzo e hit.
Rimbalzo
per quando colpirà tiles di sfondo (una parete, per esempio), hit per lo scontro con un nemico (in cui, probabilmente, diventerà un rapido bagliore giallo).

La classe game, del gioco principale, dovrà avere per forza il metodo pause che richiamerò per
  1. la pausa vera e propria
  2. le super mosse
  3. sezioni di storia
  4. consultazione inventario
In lista ci vanno anche i checkpoint e l'eventuale password per ricominciare da dove si era finito.
Potrei usare, volendo, gli SharedObject di flash per salvare in locale il punteggio più alto e l'ultimo checkpoint superato evitando l'uso delle password, più lunghe da implementare. Sono dati veloci da salvare e facili da fare, quindi le implementerò fin da subito.
Il mio amico del parkour mi ha anche chiesto di inserire le sequenze animate durante il gioco.
Sostiene che diano l'atmosfera in più al gioco, quindi le metto nella toDO list.
Un collega, invece, me l'ha buttata lì sul fatto di farlo direttamente in AS3.
In realtà la cosa un mi spaventa per l'ulteriore mole di tempo da dedicarci, ma dall'altro lato ci sono le performance da calcolare e la somiglianza al linguaggio java.
Sta sera ho fatto un test con 600 tile animate in timeline (3 fotogrammi di un mc 8x8 pixel), un personaggio con due animazioni (spostabile a destra e sinistra) e la possibilità di sparare le stelline.
Tutto a funzionato al meglio, le tile non hanno rallentato di nulla il player - come invece pensavo.

Sto giocando a un sacco di titoli delle vecchie console megadrive e snes, oltre al quasi non più attuale GBA e qualche arcade, per capire difetti e soluzioni.
Ho osservato con attenzione come è stato realizzato il movimento in salto, caposaldo per una buona giocabilità. In particolare ho cercato di capire come fanno i personaggi ad attaccarsi sulle pareti verticali e forse ho trovato una soluzione interessante, anche se non molto leggera. Un post futuro solo per questo.

L'attuale toDo list:
  • sfondo scorrevole in tutte le direzioni
  • implementazione di barra dell'energia
  • arma principale il coltello o la stella da lancio numerata
  • doppio salto alla Shinobi3
  • magie
  • mini interazioni con lo sfondo per enigmi (premi sequenze di tasti, distruggi muri, raccogli oggetti)
  • bonus come energia e stelle aggiuntive
  • tile mobili
  • tile togli energia
  • almeno 3 nemici per livello
  • parallasse
  • checkpoint
  • interezione boss in esplorazione livello
  • boss finale
Eventuali aggiunte
  • armi secondarie (spada)
  • possibilità i agganciarsi ai bordi delle piattaforme
  • salto a rimbalzo da pareti verticali
  • cambio costume
  • magie speciali non distruttive o legate al salto - es. la mimetizzazione
  • bonus stage (magari tipo Shinobi o Final fight)
  • primi piani su punti deboli dei boss per mini giochi durante lo scontro
  • musica di sottofondo
  • corsa con scivolata
  • livelli a più strati (il personaggio si sposterà più in fondo)
  • livelli in corsa (tipo a cavallo o sul surf)
  • multi personaggi in scelta
  • multi personaggi in tag
  • inventario
  • interazione d'azione con lo sfondo (es. colpire l'avversario)
  • livelli a multi stanza
  • sequenze animate
  • versione, probabilmente one touch, per flash lite (appena mi studierò flash lite)

30.7.07

Corsette e saltelli

Sabato sono uscito finalmente dal mio guscio e ho fatto il mio solito allenamento di parkour.
Il risultato è stato altalenante. Da un lato la gioia di poter correre e saltare di nuovo, dall'altra una certa insicurezza nell'eseguire i vault.
Alla fine ne ho fatto una quindicina, completi, ma non sono riuscito a sentirli come vorrei. Mi mancava quella naturalezza, quel vuoto mentale per riuscire a goderne appieno.
Più tardi, verso le 7:30, una coppia di vecchi mi hanno fatto notare che dovevo stare attento a non deturpare le staccionate del parco. Il signore è stato gentile, la moglie polemica.
Lui, cmq, le ha fatto notare che doveva smettere...

..domenica mattina, però, la signora si è fatta rivedere, direttamente dal letto, presentandosi in camicia da notte. Appellandosi a probabili menzogne - «il sindaco in persona mi ha detto di tenere d'occhio il parco!!!»-, mi ha pesantemente detto (leggi: ordinato) di smetterla di saltare sulle staccionate del parchetto.
Da buona ignorante non mi assolutamente ascoltato, esponendo prepotentemente il suo incredibile punto di vista.
Non ho voluto essere scortese (leggi: ammazzarla di legnate :D ) , anzi, facendole notare che non era quello il modo di comportarsi e che mi stava mancando di rispetto, le ho cmq detto che non c'era problema, non mi avrebbe più rivisto a saltare sulle staccionate, se proprio le davo così tanto fastidio. Meglio così, poi finiva che ero in torto dato che, cmq, non sono fatte per quello e io non voglio rogne.
Mi chiedo solo a chi andrà a rompere le scatole, adesso.

Se da un lato le cose sono andate male - la discussione non mi ha fatto finire la mia sessione di salti -, dall'altro mi ha accompagnato un mio caro amico. Il suo interesse al parkour è maturato dopo le mie storie di corsette e saltelli.
Si è presentato alle 7:10 (quasi) puntualissimo di domenica mattina, dopo una Bella serata al ristorante passata assieme a me e alla mia compagna.
Nella corsa si è dimostrato scarsamente allenato ma è riuscito subito a fare degli ottimi dash vault da lasciarmi senza parole. Diciamolo pure, dei Signor Salti, decisamente una spanna sopra i miei. Ne sono rimasto davvero impressionato.
..e poi anche discutere delle metodologie è stato molto bello, scambiarsi punti di vista e opinioni in merito.
Bravu! Però adesso allenati che poi si esce ancora.
Questa è sfida.

25.7.07

Le mille risorse

YouTube avrà tutti i difetti di questo mondo secondo i media, ma per quanto mi riguarda è uno dei traguardi della rete.
Contando a momenti le ore per l'arrivo di sabato, ovvero il giorno della mia ripresa del parkour, mi sono guardato un bel pò di filmati per ispirarmi e capire come fare i trick.
Qui alcuni link di video divertenti. Il primo, esperienza diretta di una ragazza, è proprio interessante:
ragazza praticante
Street climbing Sesion 2
Street Climbing - Team Ryouko - Yamakazi

Il 30/07esce su play.com jump london.
..scoperto per caso - dannata rete.

Progetto Shinobi

Questa mattina l'ho passata sistemando il mio orticello e piantando qui e lì alcuni fiori. Stavano appassendo, ma con l'incidente di sabato ho preferito accantonare il lavoro del week end a oggi.

Mentre vangavo, e a dirlo tutta anche la settimana scorsa, pensavo al retro-gaming. Motivo principale è dovuto al fatto che è da un pezzo che vorrei rigiocare il vecchissimo Ninja Spirit della Irem. Inoltre ho acquistato un Capcom Classics vol.2 che contiene alcuni brillantissimi titoli anni 80-90, tra cui Last Duel, un mio mito d'infanzia.
Insomma, per farla breve, dopo le esperienze con i giochi in Flash di Prezzemolo alle spalle ho deciso di cimentarmi in un mio progetto casalingo: rifare un gioco 2D di Ninja nello stile del classico Shinobi, o Revenge of the Shinobi o ancora Shinobi III.
Mi piacerebbe implememtare anche qualche feature prese dal cult-game Strider e, perché no, anche dal vecchio FlashBack dell'amiga.
Sprite e sfondi e tile li disegnerò a pixel, mentre monterò il tutto via actionscript.
Il working-title, al momento, è Project Shinobi's Flash - non mi piace molto, ma è giusto quel che serve per definirlo.

Ho qualche idea per i boss finali, vorrei che avesse più armi..
Anzi, scrivo subito una prima toDo list del gioco:
  • sfondo scorrevole in tutte le direzioni
  • implementazione di barra dell'energia
  • arma principale il coltello o la stella da lancio numerata
  • doppio salto alla Shinobi3
  • magie
  • mini interazioni con lo sfondo per enigmi (premi sequenze di tasti, distruggi muri, raccogli oggetti)
  • bonus come energia e stelle aggiuntive
  • tile mobili
  • tile togli energia
  • almeno 3 nemici per livello
  • parallasse
  • boss finale
Eventuali aggiunte
  • armi secondarie (spada)
  • possibilità i agganciarsi ai bordi delle piattaforme
  • salto a rimbalzo da pareti verticali
  • cambio costume
  • magie speciali non distruttive o legate al salto - es. la mimetizzazione
  • bonus stage (magari tipo Shinobi o Final fight)
  • primi piani su punti deboli dei boss per mini giochi durante lo scontro
  • musica di sottofondo
  • corsa con scivolata
  • livelli a più strati (il personaggio si sposterà più in fondo)
  • livelli in corsa (tipo a cavallo o sul surf)
  • multi personaggi in scelta
  • multi personaggi in tag
  • inventario
  • interazione d'azione con lo sfondo (es. colpire l'avversario)
  • livelli a multi stanza
  • versione, probabilmente one touch, per flash lite (appena mi studierò flash lite)
Alcune feature si intrecciano quindi dovrò pianificare per bene l'engine.
Partirò con i controlli del personaggio principale in relazione anche al movimento sullo schermo, che quindi mi costringerà subito dopo ad elaborare la gestione dello scrolling multi direzionale con l'eventuale parallasse.
Il lavoro è tanto ma lo sforzo mi darà un bel pò di esperienza. Più che altro credo che la grafica in se costerà più tempo, quindi prevedo per l'inzio molta semplicità.
Eventualemente userò qualche sprite sparpagliato in giro per la rete.
L'esperimento non ha nessun scopro di lucro - ma se poi riesco a farci anche due soldi ben venga.

22.7.07

A casa

Con la stanchezza dei miei 5 punti, oggi niente piscina, ma casa in relax.
Ho terminato American Gods, che avevo tralasciato per stanchezza serale.
I capitoli, discretamente lunghi, finivano per essere tagliuzzati, andando contro la mia idea di lettura e del filo della storia.
Sono convinto che sia da evitare il più possibile il taglio del capitolo. Ci ha già pensato l'autore a suddividere la storia.
Cmq, finalmente ripreso, l'ho terminato di corsa.
Ora sono indeciso se buttarmi subito su I figli di Anansi, il seguito.
American Gods è un ottimo libro anche se alcune situazioni non mi hann fatto impazzire. Se non fosse per l'incredibile scrittura di Gaiman, credo l'avrei pure accantonato.
Nessun dove rimane decisamente più bello.
Magari un giorno rileggerò la storia degli Dei dimenticati in America, per riscoprirlo molto più valido.
..o forse anche no.

Qui, intanto, il nuovo (e primo) trailer dei nuovi episodi dell'Evagelion. Non male, ma come al solito tanta (ed economica, in tutti i sensi) CG.

Vault o morte

Ieri è successo l'impensabile.
Sono 3 giorni che riesco ad alzarmi molto presto - grazie super caldo! - e a farmi la mia corsetta e parkour.
Da un paio di settimane ho"scoperto" un bel parco con lunga staccionata di legno, tanta ombra e pubblico nullo. Desideroso di riuscire a fare finalmente un vault da manuale, mi son dato da fare.
Una dose di insicurezza e la paura di farmi male mi hanno trattenuto nel lanciarmi completamente. Come soluzione, giovedì mattina mi sono allenato ai salti sul divano con continue prove e riprove fino a fare finalmente un monkey vault con appoggio a due mani, gambe al petto e atterraggio disinvolto.
Allora ho provato sulla staccionata al parco e, intorno le 7 di mattina di sabato, c'è l'avevo fatta. Tutto era perfetto, continuavo a saltare e risalatare, come se fosse una cosa semplice e naturale. Sembrava un filmato in loop. Non mi sembrava vero. Mi chiedevo perchè non c'ero riuscito prima. Un'equazione che, risolta, suona banale anche solo da pensare. Una totale gioia.
Mezz'ora dopo, sudatissimo e stanco, rincasavo con un bel sorriso stampato in faccia.

Peccato aver incrociato un'altra staccionata e aver deciso di riprovarci.
E uno, perfetto, e due, aspetta troppo poco slancio, e tre.. Uno dei miei piedi, chissà quale, si è bloccato sulla staccionata, le mie mani non si sono adoperate per salvarmi dall'impatto.
Il mio viso- l'occhio destro, per precisione - ha collimato con la superficie del pavimento. Mi son subito rialzato con il sangue che colava dal sopraciglio, scoprendo che, velocissimo, mi aveva sporcato tutta la gamba destra, poi, toccandomi, anche la mano e il braccio. Dolore proprio poco, più che altro la sensazione di aver distrutto gli occhiali (falsa, ancora interi) e a fastidiosa idea di chiamare mia morosa per farmi portare in ospedale. L'ho avvisata della scarsa entità del danno, mi son lavato a una fontana per non presentarmi con tutto quel sangue (che continuava a scendere, anche se più contenuto), ed ho atteso la mia donna che è stata calmissima e bravissima. Contro le mie più rosee previsioni.
Tutto è filato liscissimo, son andato a casa, doccia, ospedale, attesa.
5 punti, tante botte e infelicità di non poter riprovare questa mattina.
Tanto la settimana passa veloce-veloce...

13.7.07

Seratine

Settimana scorsa ho terminato Vai, ama di Tomek Tryzna.
Mi è piaciuto molto anche se il finale è strano e, tutto sommato, non è proprio un finale.
Lo consiglio caldamente. Il bimbo protagonista è molto simpatico e ci si può immedesimare con una certa facilità.
Mi è piaciuto che si sia reso conto che sia importante (per aiutare la famiglia) raggiungere un obiettivo, che bisogna farsi un piano e rinfrescarsi la memoria sul perché si cerca di raggiungere la metà segnata. Che ci voglia impegno e soprattutto sempre coraggio nell'azzardare. Se ritrovo alcune frasi le citerò.

L'altro ieri sera, invece, ho visto il film dei transformer.
Dio, la fotografia e la resa dei robots è ottima ma la storia... La solita minestra dei soliti personaggi, le solite situazioni, qualche simpatica battuta e tante macchine esplosive - quelle che anche a guardarle esplodono. Ok il film si lascia vedere senza alcun problema, specie il primo quarto d'ora quando arriva il primo transformer (l'elicottero) sulla base militare, davvero fantastica.
Dall'altro lato, invece, ci sono le mille domande senza risposta:
Come hanno fatto gli autobot a individuare il protagonista? Dal www? E allora perché i cattivi attaccano la base militare per le info? Da dove arrivano gli altri autorobot richiamati dal transformer camarro? Perché lo scorpione robot, raggiunti gli americani al paesino in mezzo al deserto, non attacca i militari e invece se ne sta lì ad aspettare l'arrivo dei rinforzi nemici? Perché i robots sono dei bambinoni? Perché optimus prime si deve premere il bordo del casco per attivare la vista a raggi-qualcosa? Perché il gruppo dei militari si "ribella" verso il finale appoggiando il protagonista che è uno sconosciuto? Perché rimane attivo il segnale dei decepticons (i cattivi) che gli umani non riescono a capire dopo il primo attacco - tranne un panzone hacker che pare disporre di una super software da cui, probabilmente, si svilupperà il mondo di matrix? Che fine fanno i robots creati dal cubo sul finale? Perché megatron viene sconfitto? E perché buttarlo in mare?????
..potrei andare oltre ma mi fermerò.

Ieri sera, invece, con la mia ragazza abbiamo visto uno spettacolo di danza moderna e hip-hop a ritmi di musica classici e qualche altro genere che non saprei definire, ma, così a caso, direi in stile Venicio Caposella. 5 ballerini molto bravi, mi è anche caduta una lacrimuccia dall'emozione.
La gente in sala era davvero entusiasta, e non parlo solo di ragazzini ma anche di molte famiglie.
Mi piacerebbe vederne altri, il gruppo si chiama Bottega, le coreografie sono di Enzo Celli.
Consigliato a tutti quelli che gradiscono le Belle cose.

11.7.07

Giant nei miei pensieri

Un altro post su Gian Robot, ebbene, si, ma ad oggi non riesco ancora a mandare giù il design nuovo di Giant Robot.
Daisaku Kusama, il ragazzo protagonista, è un insopportabile copia di qualsiasi altro protagnonista di cartoon per bambini, tipo pokemon o megaman. E poi dove sono i mitici super cattivi? Lord Albert, Mask the red? Questa attualizzazione mi lascia perplesso.
Sul sito, poi, ho scoperto che i papercraft dei vari robot escono ogni tanto per stimolare altre visite. Quelli vecchi sono già stati rilasciati senza possibilità, almeno dal sito ufficiale, di esser recuperati...
Al momento è disponibile un bel modello, il GR-7.
Montare un papercraft è tutt'altro che facile - ho incollato i pezzi di un livello di Sonic con mia figlia ma il risultato è stato miserello.
Rimanendo in tema di remake, ho visto l'edizione nuova del vecchio Jeeg. La saga continua dopo la vecchia serie, con personaggi mooolto più giovani, cattive idee, tanta CG, che scarsamente si integra con i fondali, e una storia noiosetta. Voto: 5--. Info qui.

Sta sera andrò a vedere il film dei transformer, speriamo che almeno i robottoni siano godibili. Michela Bay, secondo me, fa solo che filmacci. Tanti effetti e poco racconto...
..e dopo aver visto l'orrendo terzo episodio dell'uomo ragno, adorando i primi 2, ormai parto sempre di preconcetti.
Ah, una nota finale, stanno realizzando 3 nuovi episodi della saga dell'Evangelion, qui la news.

1.7.07

40 per il Giant

Ispirato da ottimi disegni e prestigiose foto, ho acquistato 3 volumetti giapponesi sull'hobby del modellismo degli anime.
La sorpresa è arrivata quando, sfogliando il terzo volume, mi sono trovato davanti i disegni preparatori della nuova serie di Giant Robot, realizzata per il 40° anniversario della prima edizione.

Giant è stata una mia scoperta durante il periodo di uscita di Evangelion e, con somma gioia, è stato un'ottima alternativa.
La serie - GIANT ROBOT , il giorno in cui la terra si fermò , 7 videocassette in tutto - è un concentrato (anche se a volte burrascoso e un pò sopra le righe) di ottime idee e brillanti personaggi coinvolti in un dinamico e originale intreccio: il gruppo dei buoni, capeggiato da Giant Robot, lotta per fermare l'associazione Big Fire che vuole dominare il mondo. Controllata da un misterioso gruppo di super uomini, l'elite dei 10, riceve l'appoggio di un altro personaggio che odia l'umanità per aver demolita la figura del padre, noto scienziato che ha sviluppato la tecnologia energetica sisma drive con cui tutto viene alimentato, tranne Giant Robot.
Giant funziona, infatti, ad energia atomica e questo genererà diffidenza nel team dei super eroi dell'Organizzazione della Polizia Internazionale.
L'asso nella manica della BigFire sarà un gigantesco dispositivo per spegnere tutte le fonti energetiche, conseguenza che, però, non avrà effetti sul gigantesco robot, unico mezzo contro la macchina di morte nemica.
Il design, steam punk, è così retro da poter risultare brutto al primo impatto ma per cui, già dopo pochi episodi, non si può che perdere la testa.
L'edizione che possiedo ha ripreso un vecchio manga/telefilm ed è ancora oggi considerata una pietra dell'animazione nipponica.

Da un lato, quindi, lo stupore nel rivedere questa serie in una nuova chiave moderna, dall'altro la perplessità di una possibile scarsa qualità.
C'è anche il sito ufficiale della nuova serie - può anche scaricare un papercraft del GR6 (spero anche degli altri, prima o poi...).
Attendo incrociando le dita.