Passa ai contenuti principali

A volte si va, a volte si viene

La vita è ricca di sorprese.
Un giorno ti arriva un bel bambino. Sei felice, lui è bellissimo, ti guarda, prima, poi addirittura ti sorride. Lo osservi mentre dorme e ti chiedi come fai a essere così fortunato. E lo guardi ancora e trovi incedibile che sia proprio tuo, questo bel bambino.
Poi sorge il sole, entra la luce. Si sveglia e spalanca i suoi occhioni, con la bocca leggermente aperta, quasi spaventato, mentre tu non puoi fare a meno di temere lo scorrere del tempo.
Intanto progetti e un po' ti pendi di come sono andate alcune cose con la primogenita..
Ma, tutto sommato, dormi sonni tranquilli.

E un giorno succede, invece, l'opposto.
Invecchiando ti poni molte più domande. Sul futuro, sulla vita.. ti chiedi come sarà quando i tuoi non ci saranno più e magari avrai superato i 50, o su di lì.
Ma le cose non vanno mai come pensi, c'è sempre l'imprevisto, c'è l'intreccio con il tutto.
E ecco che la tua mamma ti lascia.
Così, speri sempre che superi anche la peggiore delle situazioni ma, ehi, neanche lei è invincibile. E ti dice addio, ma senza salutare. Con un respiro.
Poi si ferma e si raffredda. Manca il movimento, manca tutto.
La urti e oscilla. Le parli, e sembra che stia per svegliarsi, ma, ahimè, non succederà.
La ricordi per tutte le cose che faceva, anche per banalità, forse soprattuto per quelle. I suoi piatti, i giri al mercato, le piccole complicità perché sono quelle che mancano davvero.

I giorni passano, il vuoto non si riempie, la tristezza muta, cambia pelle, ma è sempre lì.
Vedi la foto e pensi che è tutto così strano. Nausea.
Vai in mensa e vedi la trippa e pensi «Cavoli è da un pezzo che la mamma non mi fa la sua... ». Purtroppo non la assaggerai più. Poi sei a casa, tra mille distrazioni, e ti arriva la piccolina che ti dice che fa le preghierine alla nonna che è in cielo.
Inutile trattenersi, cala un fiume di lacrime.
E niente più chiacchierate sotto la pergola, o tè alla domenica pomeriggio.
L'ultimo segno è quel epigrafe fatto a photoshop, con quelle nuvole jpg, che, in realtà, non mi piace poi molto. Ma va bene così.. E un favoloso papà che soffre e piange, che lo vedi disperso, barcollare ma, fortunatamente, sta ancora in piedi.
Rimane sempre il "forte del 47", che non si spezza neanche alla morte della moglie, per quanto affogato nelle lacrime.

É già, va proprio così la vita. Imprevedibile.
C'è chi va e c'è chi viene, ma dio solo sa quanto però avrei voluto che si godesse il mio nuovo arrivato almeno un altro po'.
E questo mi fa proprio tanto male.

Commenti

Anonimo ha detto…
Ohi,Alba...
Sebbene sia patetico farlo via pc,mi vedo costretto,non avendo più il to numero...
Vorrei farti le mie più sentite condoglianze...
mi dispiace,Alba...
Un abbraccio grandissimo...

Alex,Zoldo...
mrKaizen ha detto…
Grazie vecchio.
Già, un brutto colpo.

Mi faccio presto vivo io, dai.
Grazie ancora, a presto.

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.