Passa ai contenuti principali

Tim Shafer, kickstarter e tiny colossus

In questi giorni Tim Shafer si è "dato" su kickstarter (un sito per cercare donatori per i propri progetti) con lo scopo di lanciare una nuova avventura grafica come non se ne vedevano dai tempi di Monkey Island e famiglia.
Il motivo è semplice: i publisher non investono nel genere e questa cosa rode, ma siccome i fan sono tanti, i ragazzi della Double Fine hanno deciso di provare la strada dell'autofinanziamento.

Tim ha chiesto ben 400.000 dollari per questo nuovo gioco (300 per il gioco + 100 per il making of video).
Otto ore per arrivarci e un giorno per raggiungere ben $1,452,283.
Increbile.
Conoscendo i nomi dietro il progetto secondo me superare la soglia era fattibile (certo magari non in 8 ore..) ma arrivare al milione e mezzo di dollari non può che
  1. sorprendere
  2. rallegrare che il mondo forse non fa così schifo e non è tutto nelle mani delle mega corporazioni :P
Ma anche da noi si prova, e giusto in queste ore sta terminando la raccolta fondi di Tiny colossus per il loro UFHO 2, che a cui potete donare qualche spicciolo e dimostrare che anche l'Italia fa parte di questo mondo migliore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.