Passa ai contenuti principali

Domenica di pensieri e tiro di somme


Uff.. il nuovo lavoro mi occupa molte ore pecedentementi investite in sonno ma, si sa, un impegno è pur sempre un impegno.
Almeno la gestione è ottima e non c'è nessun product manager ignorante che non conosce neanche il lavoro del suo diretto subordinato.

A casa ho quasi definitivamente finito di sistemarmi il giardino, di cui vado molto orgoglioso, ma la cosa che ultimamente mi preme di più fare è
A- studiare a fondo per il lavoro quotidiano
B- scrivere di più, sono stato improduttivo in quest'ultimo periodo
C- DISEGNARE E RIDISEGNARE E RIDISEGANRE.. a forza di scriverlo sbaglio pure nel digitare i tasti.

Mi sento in qualche modo inconcludente, fermo al mio posto senza precise rivoluzioni, mi lascio un pò trasportare da questo ciclone nel cervello.

H
o voglia di buttarmi in un fumetto nuovo e fino a prima di cominciare il lavoro serale pensavo di lanciare pubblicamente la mia nuova sfida, una storia completa (16 pagine?) in un mese.
Personaggi, tavole, chine, storia.
Insomma, qualcosa di cui andare fieri in tempi abbastanza stretti..
Purtroppo non ne ho il tempo ma la voglia è davvero molta. Pure troppa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.