Passa ai contenuti principali

Utopia è ciò che non si comincia

Questa frase mi è venuta in mente la settimana scorsa.
Credo sia puramente mia ma, si sa, le influenze sono molte e non tutto quello che si crede originale si dimostri poi di esserelo. Comunque la ritengo azzeccata.
Sono certo che giri nella testa della gente che vuole cambiare le cose, quelli che credono nelle migliorie, nel nuovo inizio.

La frase é sorta dopo una serie di mie personali incazzature sentendo "questo non si può fare", "quello non si può fare", "se non si è disonesti non si riuscirà mai a fare soldi..", "in Italia è impossibile fare questo e quello", "impossibile che noi che la facciamo".
Eccetera eccetera eccetera.
Frasi da bar, frasi per dare aria ai denti. Frasi "fatte" che mi accendono e mi fanno ribollire. Divento nervoso perchè c'è gente che ce la mette tutta e produce i risultati che vuole o comunque fa un percorso che da risultati di qualità mentre altri dormono. Anzi, peggio, si lamentano.
Razzo, GENTE VI METTETE IN AZIONE O NO???

(Questa è naturalmente indirizzata anche a me.)

Due settimane fa sono diventato rappresentante dell'asilo del mio cucciolo. Alla riunione di elezione, presso la scuola materna, ancora una volta mi sono accorto di quanto la gente sia poco dinamica e scarsamente attenta alla partecipazione della propria vita.
Una vita che diventa un conglomerato di default, ripetizioni su ripetizioni.
Molte lamentele (lavoro, poco tempo, costo vita, traffico..) ma scarso investimento nello sviluppo di una propria utopia o semplicemente di una propria concezione di realtà.
1 sveglia, 2 lavoro, 3 cibo, 4 figli, 5 dormire (con qui e lì condimento di tv dai bassi contenuti e l'alcool).
Mi chiedo se sia ovunque così. Mi chiedo se la genta sia capace di pesare il proprio valore sociale, la propria felicità, le proprie capacità. E mi chiedo ancora se le persone riflettino sul proprio futuro e calcolino le azioni in base agli anni futuri.
Odio le generalizzazioni ma mi è parso che la quasi totalità avesse scordato il piacere della scoperta, dell'azzardare, dell'uscire dagli schemi, del piacere del cogliere l'eccitazione senza ingurgitare dell'alcool che sblocca.
Una paura, forse, di sbagliare o del soliti giudizio degli altri, quasi fosse divino..
Esiste un chiaro blocco del agire.

Una o due settimane fa mi stava passando per la mente di mollare il lavoro, così dal detto al fatto, e dedicarmi completamente a mia figlia e alle mie passioni. Di andare contro corrente, di fregarmene delle finte resposabilità.
Una pazza vocina mi parlava.
...troppe responsabiltà gravano sulle mie spalle o forse sono semplicemente poco coraggioso o troppo poco folle.
Sicuro è che se non mi muovo non creerò alcun interessante movimento a cui prender parte.
Un Grazie alla seconda vocina che spifferava un piano.

Commenti

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.