Passa ai contenuti principali

Fine della scuola

Domani termina la mia prima esperienza da collaboratore all'università. La settimana scorsa ho insegnato ai ragazzi un pò di flash in 3 ore mattutine.
Ammetto che all'inizio è stata dura: correvo troppo, credevo alcuni argomenti fossero già stati acquisiti, fastidiosi sbadigli..

Poco male: verso la fine mostrare esempi concreti ed raccontare come si realizzano i progetti è stato inebriante, la classe si è animata e riempita e, alla fine, l'innaspettato voler far domande e il chiedere maggiori informazioni mi ha felicemente stupito.
Quanto avrei voluto che le mie esperienze da studente fosserò state così..

Domani mi aspetta la mia seconda lezione "personale" - finisco con il flash e tratterò le mappe mentali, dato che le uso (e abuso) in ufficio. Inoltre ho una lista di testi da consigliare e mostrare, giusto perchè si "tocchi con mano".
Trasmettere conoscenza è un'esperienza unica.
Peccato che i più ne perdano il piacere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.