Passa ai contenuti principali

Di solito, a volta, mi succede spesso...

Questa settimana ho tenuto la mia prima lezione a scuola tutto solo.
Il professore aveva un impegno e quindi l'ho dovuto sostituire con la seconda classe.
60 ragazzi in tutto, pc con problemi e programmi buggati non hanno aiutato. Una bella prova di pazienza e organizzazione.
Ho avuto un iniziale inceppamento da mancanza di termini adeguati per essere comprensibile nelle spiegazioni ma grazie a qualche battuta di spirito e una serie di giri nell'aula scarica tensione, tuttosommato non è andata male.

Ho fatto mente locale su cosa devo preparami meglio e sul fatto che ci vuole una certa dose di preparazione in più nell'esposizione orale anche se conosco abbastanza bene l'argomento.
Sono comunque orgoglioso.
Ora sto stendendo mappe mentali sulle mie lezioni in più e sul mio ipotetico corso. Ho delle belle idee, vediam se saranno anche fattibili.
Tra le varie lezioni vorrei anche introdurre almeno una sulle mappe mentali e fare la rubrica, 5 minuti al massimo pre fine lezione, "Il libro di oggi" per poter consigliare ai miei studenti qualche testo interessante e formativo che ho già letto.
Una cosa è certa, mi sto divertendo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.