Passa ai contenuti principali

It's good storytelling


Eh, già. Uno dei miei fumetti preferiti non solo sbarca in tv, ma addirittura:
  1. sembra ben fatto
  2. sarà una serie tv
  3. ed è pure supervisionato da un attento Robert Kirkman, autore del fumetto.
Prima del rilancio degli ultimi anni (anche se pieno di monnezze) del tema zombi nel cinema sapevo (e spesso sparato, forse addirittura pregato..) che sarebbe tornato, prima o poi.
Ma avere presto davanti agli occhi addirittura una serie tv...
Se il regista riuscirà a replicare le atmosfere e la sinergia, le debolezze dei personaggi, credo proprio che si prospettano un sacco di season di questa bellezza.

La forza di The Walking Dead sta proprio su questo: non è una scusa per azione e splatter, stronzate e forzatura, incoerenza e clichè. É una buona storia con personaggi vivi, un ottimo intreccio, un sacco di colpi di scena che non ti aspetti, reazioni sincere e molta coerenze. É una di quelle storie che può piacere a tutti, riesce a non essere gratuita violenze.
Ti affezioni ai personaggi, leggi volentieri i ballon lunghi e vivi la sensazione di impotenza che domina la storia.
Insomma, it's good storytelling.

Commenti

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.