Passa ai contenuti principali

Da paura

Questi mostri in foto sono una delle mie passioni della infanzia.
Uhm , in realtà stavo alle medie, quindi forse non è proprio infanzia, ma fa lo stesso..

Le metto sul blog per ricordare.
É un bel ricordo: facevano parte di una serie di stickers con mostri grotteschi, ferite disegnate, insetti disgustosi che andavano applicati sulla pelle per fare degli 'incredibili' scherzi.
Ovviamente era una schemenza, ma io mi divertivo moltissimo.
Ah, si, il nome era "Mini Schifezze".

Ricordo che ho conosciuto un gruppo di ragazzi più grandi con cui avevo simpatizzato perchè ritenevano la questione abbastanza fuori (per dirlo in gergo) ed io, di conseguenza, ero un elemento in qualche modo bizzarro ma decisamente simpatico ai loro occhi.
Questa cosa rinforzo moltissimo la mia autostima nel promuovere senza vergogna una delle mie atipiche passioni spesso ritenute infantili o stupide.
Quindi, un grazie sentito a chi non fa uso di paraocchi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.