Passa ai contenuti principali

Tante piccole scimmie

Ormai è passata una settimana dal raduno a Prato.
Un sacco di scoperte interessanti fuse a un mucchio di esperienza.
La prima: aver capito di essere assolutamente fuori allenamento.
La seconda: che il parkour non è un insieme di volteggi ma proprio uno stile di vita.

Gli allenamenti sono stati proprio duri. Quadrupedia su aste di corrimano o, all'indietro, in salita su ampie scale hanno lasciato il segno. Le bolle sulle mani ne sono una garanzia.
Credevo di aver un pizzico di resistenza in più.
I francesi, per quanto ritardatari, erano implacabili macchine senza sudore.
Non c'è niente da fare, alla base deve esserci moltissima disciplina e potenziamento, prima di spiccare salti a destra e manca.

La truppa si è dimostrata molto in gamba anche se, probabilmente perché troppo giovane, troppo devota al chiacchiericcio costante e ostile alla concentrazione. Potrei dire che mi sentivo un po' come in gita di scuole superiori, anche se la gente era molto gentile ed educata. Lo spirito del gruppo è stato sinergico e istruttivo, quasi in ogni momento.
Stranamente, seppur senza averlo dimostrato, ho notato di possedere una dose di sicurezza in più di molti altri nell'affrontare altezze rilevanti. La cosa mi ha decisamente colpito, e mi chiedo se non sia frutto di allenamenti diversi (equilibrio contro salti).
Probabilmente camminare sul corrimano a ridosso del fiume ha fatto la sua parte, come anche l'affrontare le grotte.

Ho leggermente cambiato il mio allenamento adattandolo a quello che ho imparato nel week end, focalizzando molto sulla sicurezza e la forza, seppur abbia passato una settimana di quasi completo relax, afflitto da dolori muscolari ovunque. Bello aver aperto ancor più gli occhi e aver individuato nuove vie dove mia allenavo prima, scoprendo un tesoro nascosto.
Per il prossimo anno l'obiettivo è, sempre se il raduno si rifara, superare l'allenamento con una marcia in più.
Con un po' di kaizen giornaliero credo di potercela fare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.