Passa ai contenuti principali

Indie games > NINJA SENKI

Da questa settimana parte la rubrica dei giochi indie che consiglio.
Volevo gestire i post con delle recensioni degne di nota, però il tempo è poco quindi sono costretto a ridurre il testo.
L'idea iniziale comprendeva anche girare dei video, ma per il momento non se ne parla affatto, vedremo nel futuro. Un passo alla volta.
Cominciamo.

Questa settimana segnalo il gioco esclusivamente per windows, Ninja Senki.
É un action platform sviluppato da Jonathan Lavigne, sviluppatore poliedrico che sa sia programmare che disegnare e ha avuto la "fortuna" di lavorare alla grafica di Scott Pilgrim e della versione per AGB dell'ultimo film delle tartarughe Ninja, TMNT. Quest'ultimo l'ho comprato dopo aver visto una recensione e devo dire che è molto carino, in particolare la grafica è davvero ben fatta seppur abbia sempre pensato che le tartarughe e i nemici avessero uno stile non proprio uniforme.
Ninja senki si ispira a classici come Mega-man e Ninja JaJaMaru-kun, ha ben 16 livelli, finali alternativi, permette l'uso del pad ed è gratis. La grafica è carinissima, colorata e retrò stile 8-bit e qui molti potrebbero storcere il naso ma è fatta con gusto e ben animata.
Vale la pena scaricarlo e provarlo, o almeno dare un occhio al video sul sito ufficiale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.