Passa ai contenuti principali

Pacco ubuntu 10.10

Mesi fa ho acquistato un po' di materiale dalla canonical: una t-shirt dell'attuale versione di Ubuntu, di un bel grigio, una paio di dvd della versione e una serie di adesivi.
L'idea che mi frullava in testa da un po' era quella di dare dei soldini a quelli della canonical ed avere un'altra magliettina di ubuntu, che mi piacciono sempre tanto. Quella vecchia ormai è da usare solo per la nanna..

Il bel pacchettino è arrivato abbastanza in fretta, con un bel nastrino ubuntu e il logo arancio che tanto mi piace. Sarà l'arancio che adoro, ma trovo che quelli del team design abbiano fatto un ottimo lavoro con il restyling del logo e l'introduzione del font ufficiale. Inoltre le varie icone che si vedono nel sito sono a mio avviso eccellenti. L'idea che finalmente ci siano delle direttive di design mi fa pensare che si stiano muovendo nella direzione giusta, almeno per quanto riguarda questo lato del progetto.

Tornando sul pacco, invece, speravo che ad accompagnare il tutto ci fosse almeno un fogliettino di ringraziamento, anche super generico, invece nisba.
Vabbè, mi accontento di avere una versione originale della 10.10.

Commenti

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.