Passa ai contenuti principali

Progetto Shinobi

Questa mattina l'ho passata sistemando il mio orticello e piantando qui e lì alcuni fiori. Stavano appassendo, ma con l'incidente di sabato ho preferito accantonare il lavoro del week end a oggi.

Mentre vangavo, e a dirlo tutta anche la settimana scorsa, pensavo al retro-gaming. Motivo principale è dovuto al fatto che è da un pezzo che vorrei rigiocare il vecchissimo Ninja Spirit della Irem. Inoltre ho acquistato un Capcom Classics vol.2 che contiene alcuni brillantissimi titoli anni 80-90, tra cui Last Duel, un mio mito d'infanzia.
Insomma, per farla breve, dopo le esperienze con i giochi in Flash di Prezzemolo alle spalle ho deciso di cimentarmi in un mio progetto casalingo: rifare un gioco 2D di Ninja nello stile del classico Shinobi, o Revenge of the Shinobi o ancora Shinobi III.
Mi piacerebbe implememtare anche qualche feature prese dal cult-game Strider e, perché no, anche dal vecchio FlashBack dell'amiga.
Sprite e sfondi e tile li disegnerò a pixel, mentre monterò il tutto via actionscript.
Il working-title, al momento, è Project Shinobi's Flash - non mi piace molto, ma è giusto quel che serve per definirlo.

Ho qualche idea per i boss finali, vorrei che avesse più armi..
Anzi, scrivo subito una prima toDo list del gioco:
  • sfondo scorrevole in tutte le direzioni
  • implementazione di barra dell'energia
  • arma principale il coltello o la stella da lancio numerata
  • doppio salto alla Shinobi3
  • magie
  • mini interazioni con lo sfondo per enigmi (premi sequenze di tasti, distruggi muri, raccogli oggetti)
  • bonus come energia e stelle aggiuntive
  • tile mobili
  • tile togli energia
  • almeno 3 nemici per livello
  • parallasse
  • boss finale
Eventuali aggiunte
  • armi secondarie (spada)
  • possibilità i agganciarsi ai bordi delle piattaforme
  • salto a rimbalzo da pareti verticali
  • cambio costume
  • magie speciali non distruttive o legate al salto - es. la mimetizzazione
  • bonus stage (magari tipo Shinobi o Final fight)
  • primi piani su punti deboli dei boss per mini giochi durante lo scontro
  • musica di sottofondo
  • corsa con scivolata
  • livelli a più strati (il personaggio si sposterà più in fondo)
  • livelli in corsa (tipo a cavallo o sul surf)
  • multi personaggi in scelta
  • multi personaggi in tag
  • inventario
  • interazione d'azione con lo sfondo (es. colpire l'avversario)
  • livelli a multi stanza
  • versione, probabilmente one touch, per flash lite (appena mi studierò flash lite)
Alcune feature si intrecciano quindi dovrò pianificare per bene l'engine.
Partirò con i controlli del personaggio principale in relazione anche al movimento sullo schermo, che quindi mi costringerà subito dopo ad elaborare la gestione dello scrolling multi direzionale con l'eventuale parallasse.
Il lavoro è tanto ma lo sforzo mi darà un bel pò di esperienza. Più che altro credo che la grafica in se costerà più tempo, quindi prevedo per l'inzio molta semplicità.
Eventualemente userò qualche sprite sparpagliato in giro per la rete.
L'esperimento non ha nessun scopro di lucro - ma se poi riesco a farci anche due soldi ben venga.

Commenti

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.