Passa ai contenuti principali

Grazie, Papy!


Oggi ci siamo mossi per la realizzazione della mia libreria – “siamo” perché mi dà una mano mio padre, non possedendo io certe conoscenze manuali che lui invece padroneggia.
Diciamocelo, con il fai-da-te io proprio non ci so fare ma forse è tutta la nuova generazione che protende a non voler interessarsene.
Speravo invece di riuscire a risparmiare parecchio invece il legno costa davvero moltissimo. Per il materiale, e neanche tutto, ho speso 217 euro. Certo poco confrontato al costo di un falegname ma comunque molto...
...credo di aver avuto un idea un po' sbagliata della spesa.
Ad ogni modo 2-3 giorni e il più sarà montato, poi sotto con l'olio.

Mi sono accorto di una brutta cosa, ovvero che ho dimenticato di interessarmi al corso di colorazione al computer che volevo frequentare. Ho girato alcune mail per informazioni ma mi sa che è troppo tardi, dato che doveva iniziare tra gennaio e febbraio 2006.
Attendo notizie.

Commenti

Post popolari in questo blog

Indies alla riscossa: Rain World Alpha 150224 e il prototipo di Ninja Rising ver.C86

Rain World, in arrivo per quest'estate su STEAM dopo aver starvinto la campagna su KickStarter ($62.3k contro i $25K richiesti). Bellissima pixel art, vien voglia di disegnarne.

Si spera solo che sia effettivamente divertente - ho alcuni dubbi su alcune scelte ma as usual son pronto ad adattarmi ;).

E che dire del prototipo di Ninja Rising, qui in ver.C86 Prototype(UE4 version)? Per ora io dico: magnifico. Lo voglio su PC:

People of Parkour Ep. 5 | Father & Son

Così dovrebbe essere... ;)

Questa volta NON è passato un anno...

...dall'ultimo post anche se il blog mi pare morto, più che altro perché non mi va di scrivere (roba davvero troppo personale) e uso più che altro l'app JOURNEY (per questo, anche se non sempre).

Devo dire che questi ultimi 2 anni no sono stati il top e il 2016, con papà in ospedale, abbastanza uno schifo. E alla depressione si aggiunge il procrastinare, la pochissima voglia di fare (a casa), l'odio per il lavoro e, forse, la vita.

Chissà come andrà a finire ma per ora non sono proprio sui binari giusti.
Devo però ammettere che scrivere, e scrivere anche qui, mi piace sempre molto, molto di più se lo faccio dalla tastiera e non da una virtuale.
Un po' come il disegnare, che mi piace sempre e mi da sempre molta gioia.
Mi metto su un tè e poi vediamo che fare stanotte.